loader image

Dall’amore per la terra, l’orzo e il luppolo nasce il progetto Radical Brewery: Intervista a Nicola Baroncini e Marco Fornai

Radical Brewery & Radical Farm nascono dalla forte passione e dall’intraprendenza di tre ragazzi amanti della Birra e con la voglia di valorizzare il proprio territorio toscano.

“Quello che ci distingue è la volontà di realizzare un prodotto completamente italiano e toscano. E, come noi, dare la stessa possibilità ad altri birrifici di realizzare il loro. “

Accademia delle Professioni con il progetto editoriale “La Guida”
supporta e sostiene ex allievi e clienti che hanno intrapreso un progetto imprenditoriale.

Nicola, Marco, raccontateci un po’ di voi…

N.: Ho 27 anni e sono originario di Viareggio, in provincia di Lucca. Mi sono avvicinato al mondo della birra circa dieci anni fa, scoprendo un settore ricco di prodotti di qualità. Ciò mi ha spinto a percorrere la strada dell’autoproduzione per poter sperimentare in prima persona il processo produttivo brassicolo. Negli anni ho sviluppato senso di responsabilità, grazie all’esperienza come bagnino di salvataggio, e una grande attitudine al lavoro di gruppo, grazie alla pratica di molti sport di squadra, da ultimo il rugby che ho praticato per undici anni e credo fermamente che coesione e lavoro di squadra siano fondamentali nell’ambiente lavorativo, per realizzare grandi obiettivi.

M.: Ho 30 anni e sono originario di Lucca.
Sono cresciuto in un’ambiente familiare dove mi è sempre stato insegnato il valore del “buon” cibo, del bere bene e della convivialità, e sin da subito ho sviluppato la passione per la buona birra, passione che, associata alla mia curiosità, mi ha portato a scoprire sempre più birre di qualità e prodotti di nicchia. Nel tempo ho sviluppato l’interesse all’autoproduzione avvicinandomi all’esperienza di homebrewer che mi ha permesso di sperimentare ed apprezzare il processo produttivo della birra. Negli anni, grazie a corsi e all’esperienza nell’azienda familiare, ho appreso le basi di una corretta gestione economica aziendale e l’importanza del lavoro di gruppo, attitudine sviluppata con la pratica di sport di squadra.

N. e M.: Spinti da una forte passione e dalla voglia di ampliare le nostre conoscenze sulla birra e sulla produzione, abbiamo deciso di frequentare il Corso professionale per Birraio Artigiano di Accademia. Grazie a questo corso abbiamo ottenuto la possibilità di fare esperienze lavorative all’interno di birrifici locali, che hanno contribuito a migliorare le competenze nel settore, sia a livello produttivo che a livello di logistica, oltre alla partecipazione ad eventi di settore in Italia e all’estero.

Come nasce Radical Brewery?

N: Il progetto nasce in realtà dal terzo socio, Gabriele Lorenzi. Io e Marco ci siamo frequentati, senza però ricordarcelo, sui campi di rugby e, successivamente ci siamo conosciuti ufficialmente presso il Birrificio del Forte, dove lavoravo quando Marco ha iniziato lo stage. Ho conosciuto Gabriele tramite Marco, poiché aveva bisogno di un aiuto presso il birrificio locale dove lavorava. Gabriele da tempo pensava alla realizzazione di un birrificio agricolo. Dopo aver concluso la sua esperienza nel vecchio birrificio, insieme abbiamo deciso di dar vita a questa realtà, ma ci siamo resi subito conto che si trattava di un progetto ambizioso. Così abbiamo coinvolto Marco che ha accettato.

M.: Da una serata davanti ad un boccale di birra è nato poi il progetto definitivo di Radical Brewery e Radical Farm.

Radical Brewery
DCIM100MEDIADJI_0045.JPG
radical brewery
Foto podere agricolo
foto natale
Radical Brewery

Perché avete deciso di intraprendere questo percorso professionale?

M.: Per me è stato un naturale sviluppo di carriera. Provenendo da una famiglia d’imprenditori, da sempre desideravo avviare una mia attività, e per questo già da tempo pensavo di trasformare la mia passione in lavoro. In fase di progetto mi sono inoltre reso conto che, per il momento storico che stiamo vivendo, puntare anche sull’agricoltura sarebbe stata una carta vincente. Per questo motivo la scelta di voler essere anche un produttore di luppolo ed orzo, avendo già le giuste accortezze che servono per ottenere un prodotto di qualità.

N.: Quello che mi ha spinto ad intraprendere questo percorso è il fatto di poter avere un prodotto proprio, una propria creazione sul mercato e che riesca a rimanere nel tempo. Cercare di realizzare un prodotto differente e di qualità, che si possa distinguere dalla massa per le proprie caratteristiche. Oltre al prodotto, la realtà di un’azienda agricola con un birrificio annesso è un’idea che ho sposato con grande interesse, proprio perché si tratta di un nuovo modo di approcciarsi al panorama brassicolo e un nuovo modo per sviluppare la filiera italiana del luppolo e dell’orzo.

Com’è stata la vostra esperienza in Accademia?

N. e M.: Per entrambi l’esperienza è stata molto soddisfacente. Oltre a conoscere nuovi amici e futuri colleghi, il Corso per Birraio Artigiano all’Accademia ci ha permesso di sviluppare e consolidare le nostre conoscenze del mondo della birra. Di sciogliere dubbi e poter approfondire alcune tematiche grazie ai docenti presenti. Riteniamo che un corso ben strutturato come quello dell’Accademia sia fondamentale per comprendere appieno la realtà di un birrificio: requisito essenziale sia per chi ne voglia far parte come dipendente, sia per chi ne voglia aprire uno in proprio.

Radical Brewery

Radical Brewery
Via Gheghi, 56, 55018 Capannori LU

Radical Brewery

Facebook@radicalbrewery
cell. +39 375 645 5603

Chiedi di Nicola o Marco!

Cosa contraddistingue la vostra attività?

N. e M.: Quello che ci distingue è la volontà di realizzare un prodotto completamente italiano e toscano. E, come noi, dare la stessa possibilità ad altri birrifici di realizzare il loro. Il primo punto della nostra azienda è realizzare materie prime di qualità. Non a caso abbiamo fatto un grosso investimento per la realizzazione di un luppoleto da 4.2 ettari (il secondo più grande d’Italia) e l’acquisto di tutti i macchinari necessari per un corretto processamento e conservazione dello stesso. Oltre a questo, abbiamo investito in una malteria che ci permetterà di realizzare il nostro orzo, per partire abbiamo deciso di piantare circa 10 ettari di orzo così da poter capire l’adattamento al nostro terreno e le rese in produzione. Con questi investimenti puntiamo ad essere un riferimento toscano e nazionale per la produzione di luppolo ed orzo.

Solo alla fine viene il progetto del birrificio, il cui focus non è ottenere solo birre lucchesi al 100% , ma anche adatte a chi ha necessità alimentari particolari, come chi è intollerante al glutine.

dettaglio luppoleto (2)
radical brewery
radical brewery
radical brewery

NICOLA E MARCO HANNO FREQUENTATO IL CORSO PROFESSIONALE PER BIRRAIO ARTIGIANO

SCOPRI SUBITO
IL PROGRAMMA COMPLETO
del Corso

Compila il form e riceverai al tuo indirizzo email il programma dettagliato e il calendario delle lezioni del prossimo Corso per la Qualifica di Birraio Artigiano.

Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio
Questo campo è obbligatorio e deve essere un indirizzo email valido
Questo campo è obbligatorio
processing...

Richiesta in elaborazione